Duathlon, ovvero come una foratura diviene un’opportunità

Sono negato per la meccanica. La bici in questo è quasi un oggetto misterioso per me. Ci provo a smontare qualche pezzo ma non sapendo come andare avanti mi ritraggo impaurito e lo rimonto. Ovvio che poi quelle 1-2 volte l’anno che foro è un dramma, non saprei dove mettere le mani per smontare una ruota. Essendo privo di scarpe da bici, pedalo con scarpe da corsa. E come l’altro giorno, durante un tremendo acquazzone che mi aveva colto, se foro abbandono le 2 ruote e torno a casa di corsa. Trasformo così un evento negativo in uno positivo, la possibilità di fare un allenamento doppio bici+corsa. L’altro giorno tornare a casa sotto l’acqua non fu piacevolissimo. Ieri è stato invece molto gradevole andare a Borgo S. Lorenzo dal meccanico a ritirare il mezzo a piedi, oltre 9 Km collinari al caldo nella splendida campagna di maggio. E poi una mezzoretta di bici per tornare a casa, invertendo il duathlon della foratura: mezz’ora tirata al massimo salendo sui pedali nei brevi tratti in salita, cosa che mi pare molto allenante. Specie a giudicare le sensazioni post-allenamento, quel mix di spossatezza e benessere che gli atleti di endurance ben conoscono.

Va meglio, a giudicare sempre dalle sensazioni, su 2 ruote che a piedi. Sulle prime avverto dei miglioramenti di condizione. A correre invece mi accorgo solo di quanto sono lento, e il tallone un pò duole sempre e impedisce allenamenti migliori – cioè allungare il kilometraggio. Oggi dopo 4 mesi ritorno alle gare dietro casa salendo per i miei monti al trofeo Scarabone. Tutto molto bello, tempo inguardabile ma l’importante è partecipare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: