Skyrace delle Apuane 2015

E’ stata una lunga e intensa stagione. tanti acciacchi, ma anche tante
soddisfazioni: tanti trail conclusi, il ritorno ai 42 e oltre dopo anni,
il mio primo ultratrail, un gruppetto di compagni di allenamento senza
cui non ce l’avrei fatta.

Questa stagione non poteva che finire con una prova unica. La Skyrace
delle Apuane è cascata a fagiolo, poco prima delle vacanze.
L’avevo già corsa due volte, vari anni e molti Kg fa. Soprattutto, in
ottime condizioni di allenamento. Stavolta invece … zero forma, un pò
sovrappeso. Ma tanta voglia, tanta determinazione. La mia forza è la
mente, a quella ho fatto affidamento, come sempre.
Dopo 6 anni torno così in questo paesino sperduto, Fornovolasco, in
Garfagnana, neanche 500m slm, in mezzo a una valle strettissima fresca e
boscosa. Ruvide case in pietra attorno a un ruscello gelido. E sopra, il
Monte Forato, e più in alto, la temibile Pania della Croce, che domina
la valle con la sua pietra chiarissima.

Partenza alle 9,30, si sale subito nel bosco per primi 3Km trail,
neanche durissimi. Ma poi si arriva sul crinale che ci separa dal
versante della Versilia. E cominciano i dolori: sentieri strettissimi,
arrampicata su roccia, pietraie, gradoni da salire e scendere. Il
passaggio dal Monte Forato, questo enorme pertugio tra le rocce dipinto
dalla natura, con un tifo da stadio ad accoglierci: già vale il prezzo
del biglietto in sudore e fatica.
Il peggio però deve ancora arrivare. Giunti sul versante occidentale
della Pania, c’è da percorrere questo sentierino in traverso che porta
al Rifugio del Freo. Ancora più arrampicate, ampi tratti di corda
attrezzata per dare sicurezza. E il sole che comincia a bruciare dietro.
Mica è finita: ci aspettano i 3Km e 700m di dislivello che portano in
vetta. Per fortuna su un sentiero non così disagiato. Ma alzi il capo, e
la vetta rimane lontana, e non si avvicina mai.

Finalmente arrivi in cima. Coccolato, come durante tutto il percorso,
dallo staff organizzativo presente in forze: ti passano acqua e sali, ti
colmano la borraccia, ti chiedono se è tutto OK
Intanto ti guardi attorno, e assapori il piacere della vista da una
delle vette più alte della Toscana. Il mare, la Garfagnana, la Versilia,
l’Appennino. Le altre impervie montagne delle Apuane, aspre come e più
delle Alpi.
E’ tempo di scendere: non è peggio della salita, ma si procede
lentamente nel Vallone dell’Inferno, una pietraia assolata dove se non
sei Kilian Jornet al massimo corri 10 metri di fila e poi ti fermi per
sicurezza. Altri tratti attrezzati, gradoni, il sole che ti cuoce.
Arrivare nei prati attorno al rifugio Rossi è una benedizione: un
sentiero nel bosco è meno impegnativo, e poi c’è ombra. Ma mancano
ancora 1200m di dislivello negativo, che non finiscono mai, e intanto il
sole picchia. Ma arrivati all’asfalto davanti alla Grotta del Vento sai
che è fatta, che ti puoi lanciare.
Gli ultimi Km sono stati devastanti. Male al fianco destro, crampi al
quadricipite, unghie dei piedi dolenti, una storta alla caviglia, la
pelle che scotta. Quando corri cerchi di non pensarci, ma ci vuole tanto
cervello, tanta forza d’animo.
Per fortuna prima o poi c’è l’arrivo, quel sontuoso ristoro con
abbondante cocomero, pasta party & birra, e poi l’immersione delle gambe
malridotte nelle gelide acque del torrente
Organizzazione magnifica, molto accurata, tutto ben segnalato, tanti
ristori, tanti presidi medici. Gara unica. Non per tutti. Ma
eccezionale, per chi può apprezzarla

Video

Traccia
https://connect.garmin.com/activity/831418623

Come divenni un ultratrailer (Mugello 2015)

Erano anni che avevo questo tarlo. Da quando iniziai a fare trail, nella preistoria della disciplina. Poi impegni, la scarsa diffusione di questo tipo di gare, infortuni, acciacchi, un redivivo interesse per il bitume, la  mancanza di voglia di farmi il mazzo, hanno complottato per farmi anche solo ipotizzare la possibilità di diventare ultratrailer. E mi son dovuto giocoforza accontentare del limite dei 42Km, rigorosamente offroad. Poi l’anno scorso un gruppetto di coraggiosi ha deciso quel che mi pareva un sogno: organizzare un ultra dietro casa mia. Sull’Appennino di cui mi sento figlio adottivo, non qui nato ma qui trapiantato, ormai cittadino di questi boschi, di questa campagna, di queste vette, non alte ma impervie. Un anno fa l’assaggio della prova più corta di 24Km. Una gara tosta ma già meravigliosamente e meticolosamente organizzata. Non me la posso perdere, mi dissi.

Ma il principio di realtà cozzava col mio sogno. Il mio fisico dopo oltre un quarto di secolo di running si lamenta se provo ad azzardare qualcosa di più. Ogni allenamento più duro, ogni seduta di ripetute, sono un fattore di rischio.  A novembre riuscii a correre una mezza maratona in poco meno di 2h, il mio peggior tempo all time sulla distanza. Sembrava che il complotto anti-ultratrail si ergesse forte. Poi sono arrivati i miei amici pazzi. E mi hanno convinto. Ok, ci provo, mi iscrivo. L’obiettivo è improbo, allenarsi per 11 ore di corsa partendo da un livello aerobico infimo e da una autonomia limitata.

È quello il primo passo, il gradino più duro. Porsi un obiettivo è il primo passo per raggiungerlo. E osare nel correre è come il pizzico di sale in un piatto, regala quel sapore speciale che ti fa godere anche nella preparazione, che ti dà forza anche nella sofferenza. Ti dà la motivazione, che poi diventa grinta, che si trasforma in consapevolezza, in autostima, in determinazione. Il primo gradino è stato più difficile. Poi il resto è venuto da sé. E i miei amici mi hanno accompagnato e facendosi ispirare dalla mia esperienza hanno dato forza a tutto un gruppo via via ingrandito, che ha cominciato ad allenarsi insieme sulla spinta della motivazione della curiosità della passione.

E così sono nati allenamenti di gruppo sul nostro amato monte Morello a uno sputo da Firenze, una vera palestra per il trailer. Levatacce, lotte col freddo, con gli alberi abbattuti da una tempesta di marzo, col fango e le piogge. E la passione che saliva, e la determinazione che montava. Ci siam fatti le nostre gare che erano di allenamento e di prova assieme. Fino al 2 maggio, alzarsi ancora a buio, giungere al momento della partenza avvolti in una nebbia fittissima che copre tutto il crinale appennico assieme a una pioviggine fredda e fastidiosa che copre le abetaie della Badia di Moscheta.

Devo partire coperto con una giacca antivento, mai successo prima. Qualche foto, trepidazione, desiderio di voler partire, voglia di faticare e di stringere i denti. Il via è stato festoso e fangoso. Una prima salita corsa più del previsto perché non dura. La prima vetta è il monte Acuto, ci spira un vento fortissimo, al massimo 20 metri di visibilità. Peccato.

Seconda salita prima ripida, poi facile, poi il lago di fango. In dei punti non sapevo come fare a restare in piedi, sembravano le sabbie mobili, altri parevano piste da sci. Un pickup disperso su uno stradino legato a degli alberi per impedirgli di precipitare in un burrone, ovviamente inciampo in una corda e mi copro di fango dalla testa ai piedi, sembro uscito dalla Parigi Roubaix in un giorno di tregenda. La nebbia non passa, il crinale è ancora avvolto dalle nubi ma almeno non piove più. Il maledetto fango rimane, spendo preziose energie per tentare di rimanere in piedi il più possibile. Dopo 3 ore sono al Giogo di Scarperia, paradiso dei motociclisti e mi mancano ancora 42Km, per fortuna sono ancora fresco. Da quel momento farò una gara in rimonta. Peccato che non riesca a sfruttare la lunga discesa, tanto è accidentata, ma l’importante è divertirsi. E vi giuro, mi stavo divertendo da pazzi. Al 24° al museo della civiltà contadina c’è un nuovo ristoro, mi cambio  e comincia una parte di salita di 20Km. Se normalmente sono un bradipo, in salita divento una lumaca. Vado del mio passo, che è prudente. E un passo dopo l’altro supero la salita che mi porta al 30°. Metà gara, e son passate oltre 5h30’.

Ma sto bene e non mollo, divertendomi come un bambino nel successivo single track vallonato che porta al ristoro di Valdiccioli e poi su per la forestale verso Prato all’Albero, dove ci sono gli unici 10metri di asfalto, e qui entro nella parte più in alto della prova. Sul crinale, manco a dirlo, ancora tutto nuvoloso e la Romagna la si può solo immaginare.

Questa salita non finisce mai, e la discesa successiva veloce e poi sassosissima quasi la si rimpiange. Si entra nella valle del gelido Rio Rovigo le cui acque si devono guadare più volte, si risale al rifugio dei Diacci col famoso passaggio sotto la cascata. Nuovo single track nel bosco… ehi, ma quello sembra il sole. Qui, verso il 48°, inizio per la prima volta a sentire le gambe un po’ dure, mi spiace perché ero stato da dio fino a quel momento, ma non mi lamento e comunque guadagno ancora altre posizioni.

La discesa del 54° in mezzo ai castagni e finalmente col cielo sereno è una benedizione, la stanchezza sparisce di nuovo e sento l’odore del traguardo. Nel fondovalle ci sono i 2 guadi, lì trovo 2 dei miei amici un po’ pazzi, la lunghezza della gara li ha provati mentalmente ma riesco a dar loro coraggio e mi trainano per l’impervia Valle dell’Inferno in un single track micidiale per chi è stanco, ricco di salti e gradoni per gli ultimi 3 infiniti Km. L’odore dell’arrivo è intenso, ci facciamo forza e chiacchieriamo come fossimo al bar, indispettendo gli altri concorrenti. Gustiamo già il sapore della comune vittoria. Tanto per gradire devo combattere l’ultima mezz’ora con una brutta contrattura che mi fa veder le stelle ancora oggi. Conto alla rovescia, poi l’arrivo, i nostri compagni del Machese’grulloTrailTeam che ci hanno atteso e ci regalano le ultime forze, siamo in tre ci siamo fatti forza per mesi e il coronamento del nostro sogno è lo stringerci per mano e passare il traguardo assieme a braccia levate.

Ricorderemo a lungo quei momenti, quei kilometri finali in cui la stanchezza fisica e mentale veniva scacciata dal sapore dell’imminenza del traguardo. Ricorderemo la preparazione fatta assieme, contornati dagli altri membri del nostro gruppo oramai ammalati di trail, così come ricorderemo la birra stragoduta alla fine, il gelato che pregustavamo ancora nella valle dell’Inferno, quei momenti di gioia dopo il traguardo che nei nostri cuori dureranno a lungo, istanti brevi ed infiniti allo stesso tempo.

Il mio video: https://www.youtube.com/watch?v=FHoKTmFfBUw

Video ufficiale: https://vimeo.com/127095552

Traccia: http://www.gpsies.com/map.do?fileId=jjjtndvwifldrxpn

Foto dei finisher: https://www.flickr.com/photos/124275857@N06/

Trail del Borbotto – una corsa tra boschi e nuvole

Il sempre più affollato calendario trail toscano prevede oramai un bel trittico tra fine aprile e inizio maggio (con anche delle sovrapposizioni, tipo il Da Piazza a Piazza)
Mi ero talmente divertito tanto l’anno scorso che pure stavolta son voluto tornare a Castagno d’Andrea per il trail del Borbotto. Evento che meriterebbe molta più partecipazione perchè la gara non ha nulla di che invidiare ad altre. In particolare la tecnicità e difficoltà del percorso, che ne fanno praticamente una skyrace sia pur appenninica.
Un anno fa avevo optato per il breve, stavolta oso e affronto il lungo- è un pò un azzardo, per la scarsissima preparazione – solo 50gg fa ero fermo per la solita tendinosi – e per i trail impegnativi corsi negli ultimi 15 giorni.
Il piccolo gruppo di trailer parte quindi da questo paesino arroccato sul Monte Falterona al confine tra Toscana e Romagna a 700m di quota. Salita ripidissima fin da subito, e i primi 5,5 sono tostissimi, i più ripidi della gara fino alla vetta del Monte Acuto, 1480m. Ho le gambe durissime, soffro terribilmente quindi decido di procedere con grande traquillità. Al termine un breve discesa tecnica fino alla fonte del Borbotto, 1230m, breve ristoro con cui riempio le borracce- siamo in semiautosufficienza- e si affronta la salita molto ripida per la vetta del Falterona. Single track con tanti tornanti, veramente tosto. Mi sento molto meglio e sia pur di passo forzo un pochetto, recuperando qualche posizione. In vetta in mezzo ai pini mughi ci attendo un nebbia fittissima e un vento impetuoso, fa quasi freddo. Brevi saliscendi ci portano sul crinale appenninico da cui inizia la discesa. Abbandonato il bivio col percorso corto corro in solitaria e mi godo la bellezza selvaggia del parco delle foreste casentinesi, in mezzo a lussureggianti faggete macchiate ogni tanto dallo scuro di folti pini. Mi fiondo su discese in single track estremamente toste, ricchissime di tornanti e cambi di direzione, una pacchia per un discesista come me. Il crinale arriva sulle balze del Monte Falco, dove a sinistra si può ammirare la valle da cui siam saliti, al di sopra di ripidi pendii scoscesi, con alcuni tratti protetti da corde dal soccorso alpino. Il tratto attorno a metà gara è ricco di saliscendi, avverto i primi sintomi della stanchezza, son già passate oltre 3 ore e ho pure un pò fame. Attorno al 20°Km eccoci al passo dei 3 faggi, altro ristoro e già per un lunga discesa molto divertente ed estremamente selvaggia tecnica e ripida (quindi lenta e faticosa) per il punto più basso della gara, a 480m. Qui si attacca l’ultima salita a 9Km dal traguardo, un vero banco di prova. Fra l’altro un buontempone si è divertito a togliere le segnalazioni del percorso e perdo un paio di minuti a capire il tracciato , per fortuna ho il roadbook (preciso, ed eccellente il balisaggio, quasi maniacale con una fettuccia ogni 20metri per 33kM!)
Il primo tratto dell’ultima salita è abbastanza noioso, il tratto più anonimo della gara. Ma dopo l’ultimo ristoro si entra in una pineta magnifica, un single track che ci riporta quasi alla sorgente del Borbotto, a 1180m. 700m di dislivello in 5Km, mi ci vorranno quasi 1h20’… al termine sono veramente senza forze. O meglio, restano solo quelle per la breve discesa estremamente ripida e tecnica (ma anche divertentissima) che ci riporta a Castagno d’Andrea, dove arrivo molto felice, con la malinconia di chi vorrebbe ripartire un’altra volta per queste meravigliose montagne (dopo un meritato riposo, s’intende)
Doccia e ricchissimo pasta party che divoro con fame belluina, inclusi cantuccini e vinsanto. Al prossimo anno, amici della fratellanza popolare Grassina, per questa bellissima gara.

http://www.everytrail.com/view_trip.php?trip_id=2781624

Mugello Trail, prima splendida edizione

Vivo in Mugello da 6 anni, avevo cominciato a fare trail da uno e questo mi pareva un territorio enorme da esplorare sul lato podistico, dalle potenzialità notevole. Finora i trail aveva scartato questo territorio, tranne poche splendide gare svoltesi ai margini (Da Piazza a Piazza, Borbotto, Poggiolo). Da trailer sognavo un giorno che qui si svolgesse una bella gara trail, e mi immaginavo le zone da toccare. Poi un giorno trovo un gruppo facebook, e un sito internet, e luce fu. Già dai primi segni si intuivano le grandi potenzialità della gara, fin dalla location, la splendida isolata Badia di Moscheta.
Scartata la durissima prova Ultra di 64Km, mi iscrivo alla 23,5, tosta ma fattibile.
Partenza alle 9, si nota una bella e colorata folla di runner. Si percepisce sempre più la bravura e competenza degli organizzatori, non si nota che è una prima edizione, fin dal controllo materiali obbligatori, molto molto pignolo.
Foto di rito con gli amici, punzonatura briefing e partenza subito in salita, nei primi 5,5 Km c’è metà del dislivello.
Parto in fondo, salgo con calma ma correndo, la pendenza non è tostissima. Boschi di conifere, poi di faggi e castagni, infine si arriva in vetta alla prima montagna. Vista ampia sul crinale, sulle valli circostanti, boschi ovunque. Tutti si fanno delle foto, me compreso. Prima breve discesa estremamente tecnica e ripida, peccato sia così breve. Ristoro a cui mi approvvigiono di cola (siamo in autosufficienza, ho pure lo zaino) e si rientra nel bosco iniziando i numerosi saliscendi su un bellissimo oscuro single track. Le variazioni di ritmo sono continue, si tende a scendere fino ad arrivare al torrente Rovigo, acqua verdissima e pietroni levigati : anche qui, foto a tutto spiano…
Si costeggia il torrente fino al mulino dei Diacci, guado, salitella al secondo ristoro.
Il percorso è tracciatissimo, molto difficile perdersi, tantissimi volontari tutti sorridenti, una manifestazione che ha fatto centro anche tra i locali.Tanti altri saliscendi si susseguono, ci supera il primo dell’Ultra a velocità doppia pur camminando.
Inizia la discesa, prima veloce poi estremamente tecnica e fangosa. Se sui saliscendi recuperavo pochissime posizioni, qui costringo tanti a farmi strada. Molto molto divertente, peccato che manchi ancora tanto all’arrivo.
In fondo alla discesa 2 lunghi guadi sul fiume, attrezzati con corde per non cadere sui pietroni: bellissimo nonostante l’acqua gelata che però raffredda i piedi bollenti.
Iniziano gli ultimi temibili 3Km , interminabili sulle salitelle della Valle dell’Inferno: gli organizzatori impietosi hanno disseminato la zona di citazioni dantesche, che colgono nel segno. Sono bello cotto ma lo sono tutti e recupero comunque delle posizioni. Solo gli ultimi 200m sono su asfalto, taglio il traguardo alla Badia ricevendo sul momento una lattina di birra e la maglia di finisher.
Stupendo, WOW, sono estasiato di tutto, anche del post gara (doccia gelida tonificante inclusa, ma anche il pranzo caldo non era male). I complimenti si sprecano e tutti si riterranno estremamente soddisfatti. Torno a casa con una pazzesca voglia di trail, nonostante il poco allenamento. E orgoglioso che la mia terra adottiva possa offrire al popolo dei trailer una così bella manifestazione.

http://www.everytrail.com/view_trip.php?trip_id=2753757


https://www.facebook.com/media/set/?set=oa.698486010213345&type=1
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.711858145519421.1073741840.649755418396361&type=1

I miei trail della scorsa primavera: Borbotto e Marnia

(con ritardo enorme, anzi di più…)

Torniamo con la macchina del tempo a metà maggio…

Un lavoro di 15 giorni fa – 15×100 in salita + 1000 massimale – mi lasciò pimpante nel morale ma devastato sul piano fisico. Almeno 3 giorni con anche i lavori lenti e brevi fatti a fatica, un corto veloce abortito ai 2000 – 8’41” un 5000 finito in netta difficoltà in 22’11”.
Mi ero già fatto la convinzione che anni di trail e di lunghi abbiano convertito le mie fibre muscolari e che adesso, se da una parte non ho grossi problemi a fare distanze lunghe anche senza allenamento, dall’altra ho difficoltà ad affrontare ritmi intensi. Lavori simil-HIIT molto difficili, quindi. Però credo valga la pena insisterci, credo ci dedicherò l’estate.
7giorni fa, gara trail non competitiva dietro casa, uno spettacolo. Solo 14Km ma 500m di dislivello. Buon test, 2-3 minuti in meno rispetto a 2 anni fa quando preparavo il Ventasso.
Ultima settimana, solo lavori rigeneranti tranne mercoledì. Variazioni di ritmo, 8x (500 a 4’21 rec 500 a 5’14) per un totale di 8Km in 38’18”.
Domenica (12 maggio), gara trail spettacolare sul Monte Falterona, durissimissima, 20Km e 1200m di dislivello, 3h5′. Neve in vetta, mai ero sceso da una pista da sci senza sci bensì sulle scarpe da trail.

Ormai ne ho fatte di gare trail in carriera. Da gare corte a gare lunghe come una maratona, e pure qualche skyrace. Eppure c’è sempre modo di meravigliarsi, trovando nuove gare in ambienti stupendi. E’ il caso del Trail del Borbotto, che per fortuna si trova anche abbastanza vicino a casa, sulle pendici del Monte Falterona, dove nasce l’Arno tra Toscana e Romagna. Monte già affrontato più volte nel trail di Stia, versante casentinese, mentre qua siamo in quello mugellano. Partenza da un minuscolo paesino a 700mt, Castagno d’Andrea noto per aver dato natali a un grande pittore, Andrea detto ovviamente del Castagno.
Partenza micidiale, 5Km con forti pendenze che infatti ci vuole un’ora a percorrerli, finisco con una VAM di circa di 750m ma in difficoltà in vetta alla prima montagna, Monte Acuto. La giornata è parzialmente nuvolosa ma comunque soleggiata, e ci regala splendidi panorami delle immense foreste della zona. Colori e profumi durante l’ascesa sono fortissimi, vegetazione lussureggiante, correre nei boschi di pini è favoloso. Discesa successiva breve ma molto tecnica fino al laghetto denominato Gorga Nera, alla sorgente del Borbotto si attacca la seconda salita verso la vetta del Falterona in mezzo ai faggi, un pò meno ripida ma fatta in condizioni non ottimali. Qua soffro decisamente specie nell’ultima parte dove si fa più ripida e tecnica, con numerosi passaggi su alcuni nevai residui. La vetta si apre all’improvviso annunciata da caratteristici passaggi tra i cespugli di pini mughi, questo uno dei pochi luoghi dell’Appennino ove crescono. Discesa brevissima fino al crinale del Monte Falco, panorami mozzafiato stavolta sui monti della Romagna. Ed ecco la discesa per le piste da sci di Campigna: piste da sci ancora perfettamente innevate!!! Per non scivolare basta appoggiare di tacco ma resta comunque tosto. Al termine inizia una lunga strada forestale che riporta alla fonte del Borbotto, le gambe di marmo impediscono di mantenere un buon ritmo. Si va all’arrivo poi per un bellissimo sentierino in discesa ripida, riesco ad essere incredibilmente agile , anche stranamente perchè quando si torna sull’asfalto ho le gambe di granito. Finisco, lo confesso, sfinito, come mai mi era capitato in una gara di 20Km. Saranno anche i 1200 m di dislivello positivo concentrati quasi tutti nei primi 10Km: per le difficoltà tecniche direi che siamo quasi al livello di una skyrace. All’arrivo grande festa della mia società podistica, una ventina di stradisti per un giorno convertiti con piacere al trail più duro: e devo dire con grande soddisfazione, dopo vari anni possiamo dire che il trail ha conquistato il cuore di molti nonostante la fatica cui obbliga.
Non c’erano molti podisti, anche perchè Castagno d’Andrea è lontano da Firenze, figuriamoci dal resto d’Italia. Ma spero che questo trail sopravviva, sia nella versione di 20Km che in quella di 37Km (magari con un percorso migliore, la corta in proporzione è troppo più bella): sono gare entrambe durissime ma veramente spettacolari in un parco naturale incontaminato, in una foresta tra le più splendide e lussureggianti d’Italia.

La domenica dopo…

In Valdarno superiore c’è questo paesino microscopico nel fondovalle, si chiama Leccio e già il nome ricorda i tanti boschi della zona, ricchi di acacie e vari tipi di quercia. Ora il paese è praticamente immerso in un outlet popolato da grandi firme della moda ma resiste in mezzo alle villette una casa del popolo dove da un 15 anni organizzano ‘sta garetta chiamata Marniatona, di circa 16Km totalmente senza traffico su strade bianche e sentieri della zona. Dall’anno scorso hanno iniziato con questa Marniatrail, gara di 28Km con non molto dislivello ma con frequenti saliscendi. Un anno fa non ero allenato e stavolta invece ce l’ho fatta a prepararmi, accompagnato da numerosi compagni di squadra sempre più orientati al trail.
Partenza nel parco di Sammezzano, si sfiorano le famose sequoie del parco e si sale al castello prima di una picchiata in discesa veramente ripida: si intuisce subito il leit motiv della giornata, l’umidità e il fango veramente mai visto su questi percorsi. Segue una lunga salita leggera su sentiero largo fino a superare il bosco e arrivare alla campagna agricola a metà collina, ricca di ulivi per cui la zona è rinomata. Discesa molto soft tranne l’ultimo Km abbastanza tecnico, poi a circa metà gara il primo strappo breve ma ripido: il fango copiosissimo rende difficile lo stare in piedi e bisogna cercare l’erba su cui poggiare i piedi con efficacia. Bivio tra i 2 percorsi, inizia una salita lunga generalmente facile… lo sarebbe, se non ci fosse un fango terribile su questo sentiero single track nel bosco. Si torna in campagna più in quota, suggestivo passaggio in fattoria, nuova picchiata fangosa in discesa prima dell’ultimo strappo con tanto di capriolo che ti attraversa la strada. Viste impressionanti sulle balze valdarnesi, questi dirupi che hanno mangiato le colline mostrano una terra rossastra, molto suggestive. In vari punti si corre quasi sullo strapiombo. Penultima salita al 22°Km, uno strappo al 25% almeno più che fangoso, praticamente si fa un passo e si rimane nello stesso punto, devastante. Falsopiano e ritorno su sentiero (fangoso). Novità nel finale, con salita fino al Castello di Sammezzano, 1Km veramente durissimo su lastroni… mannaggia, quante maledizioni, gli altri anni si arrivava al paesello.
3h7’ per fare 28Km netti (dislivello +720 – 620), un trail tutto sommato facile dove si corre quasi sempre… peccato per il fango. Ottima organizzazione anche se semplice molti trailer professionisti alla partenza. Doccia (fredda ma siamo spartani) e poi pranzo con i fagioli del Pratomagno.
Peccato che per il secondo trail di fila in una settimana cui partecipo qualche malvivente si sia appostato per rubare nelle auto, non nella mia fortunatamente… sempre detto che è bene non spogliarsi in macchina.

In 15 giorni ben 3 trail nella provincia di Firenze. La mania è esplosa, ormai le sovrapposizioni sono la norma non solo nel calendario nazionale ma anche in quello regionale.
3 trail diversi: il primo e l’ultimo gare storiche completamente offroad. Il secondo alla prima edizione. Il primo (Scarabone) 14Km, il secondo (Borbotto) 20Km, il terzo (Marnia) 28Km. Il secondo quasi una skyrace, gli altri con poco dislivello ma varie difficoltà.
Tre gare che mostrano 3 aspetti diversi della montagna fiorentina: le propaggini dell’Appennino, la campagna del Valdarno, l’alto Appennino. L’aspetto in comune: il bosco! sapevate che la Toscana è la regione italiana con più superficie boschiva?

Disastro ciclistico alla Scarpirampi

4 anni fa, nel mio periodo d’oro di trailer e ultramaratoneta, rimasi conquistato da quella ardita e magnifica gara che è la Scarpirampi – 30Km da Prato a Vernio sulle montagne della Calvana. Zone splendide, montagna aspradi dove non ci sono pietraie e  fango. Ne fui conquistato così tanto da ricalcare poi i sentieri di quel crinale in qualche trail autogestito. Per vari motivi poi non l’avevo più rifatta, anche perché serve un ciclista, e non ne conoscevo molti (anzi nessuno). Quest’anno, che la tendinite mi aveva fatto passare l’estate sulle 2 ruote si era affacciato il pensiero di esplorarne l’altra faccia, quella bici-munita. La mia prima esperienza agonistica sulle 2 ruote – un duathlon molto aspro – mi aveva lasciato ben sperare. Dopo duri allenamenti su strade bianche e sentieri di Monte Senario e Monte Morello, sulle pietre delle valli del Carlone e della Marinella, mi ero convinto, e un’affannosa ricerca di un podista abbastanza allenato da poter affrontare quel percorso assai tosto ha portato ad avere compagno il fido Isacco, grande uomo-marketing della mia squadra.
Domenica fatale, 11 novembre: il cielo non promette nulla se non il diluvio, le previsioni erano pessime e si sapeva, di notte ha piovuto a catinelle. Alla partenza il cielo è plumbeo, cio’ nonostante ci sono diversi atleti; prima partono i soli “trailer” per il trail della Calvana, poi le coppie. Il momento più piovoso della gara sarà proprio alla partenza. Si attraversa il ponticino sul Bisenzio gonfio di pioggia (sintomatico di ciò che troveremo) e si parte, subito in salita.
Finchè è asfalto reggo bene in spinta, poi sul sentiero diviene impossibile pedalare su quelle pietre scivolose: prima difficoltà della giornata, salita fino al guado del rio Buti. Seconda difficoltà: il fango è tantissimo, i sentieri sono dei ruscelli d’acqua che scende impetuosa, i copriscarpe servono a poco e i piedi si bagnano: per fortuna sono circa 17°, un caldo che rende per niente fastidiosa la pioggia, ormai diminuita. Finisce la prima salita, guado e poi asfalto al termine del quale raggiungo il mio collega al primo controllo. Variazione di percorso rispetto a 4 anni fa: altra salita, meno tosta e fattibile in bici, ma Isacco mi stacca di nuovo, e in discesa causa fango e pietraie è difficile riguadagnare molto. Dopo altro breve tratto asfaltato, nuova variazione di percorso: un single track stretto e fangosissimo, tremendo per le bici: e pietre bagnate su cui le ruote slittano. Arriviamo così all’attacco della lunga salita della prima metà gara, dove Isacco mi riprende subito e mi attende: anche qui ciclisti in grande difficoltà, e bici su a forza di braccia. Arriviamo al controllo in vetta all’Aia Padre, dove una mandria di vacche ci osserva infastidita, come se violassimo i loro luoghi generalmente silenziosi. Ristoro e qua inizia il tratto più bello, il lungo crinale di prati cinto da pini verso Montecuccoli. Solo che il fango impera anche più di prima, e stremato dalla salita come sono anche qua Isacco mi stacca nel primo ripido tratto… conto di riprenderlo nel tratto successivo più a favore, comunque vado meglio dei ciclisti con cui sono, volo verso il successivo controllo… quand’ecco, a un tratto mi accorgo che il colpo di pedale non imprime più forza… scendo e mi accorgo che si è rotto il cambio posteriore. Ca**o!!! Maledizione!!! Mi rimane solo rabbia, scendo senza pedalare e arrivo al ristoro/controllo del paese . Qua c’è l’assistenza tecnica, si dichiarano pronti a ripararmi la bici togliendo il cambio e mettendomi un rapporto fisso. Accetto, decidiamo di ripartire, il mio collega si avvia, lo dovrei riprendere in discesa. I meccanici smagliano la catena e la risistemano su un rapporto agile ma non troppo. Riparto, e affronto il tratto più fangoso con le pozze più grandi e profonde dell’Appennino. Mi sento rinascere, vado alla grande attraversando queste pozze nel mezzo fregandomene dell’acqua e schizzando ogni cosa attorno… quand’ecco che i pedali si bloccano. La catena si è bloccata completamente, i pedali non girano. Gara mestamente terminata. Scaglio maledizioni e torno al controllo a spinta, ormai stremato. Devo ritirarmi, l’unica è scendere a valle sulla strada asfaltata… senza pedalare. Arrivato a Vernio, invece di farmi 18Km a piedi mi arrendo e chiamo mio padre in soccorso. Intanto Isacco per fortuna ha potuto proseguire, avvisato dai giudici del mio ritiro. L’onta di questa gara rimarrà, aver costretto al ritiro anche il mio collega che pure aveva fatto una buona corsa (afferma di essersi divertito: quello molto anche io, almeno fino al ritiro)
Esito finale: disastro, perché è solo il mio secondo ritiro in 25 anni di carriera sportiva. E contavo di rimanere a quota 1, mai mi son ritirato neanche in caso di stiramenti o mal di schiena o altro.
Disastro, perché ho rovinato la giornata a un altro collega runner. Disastro, perché mi son reso conto che non sono un ciclista, probabilmente mai lo diventerò seriamente (o forse solo se abbandonassi definitivamente e obtorto collo il running), e anche lo diventassi difficilmente sarò un buon mountain biker; a dispetto del mio gusto per le difficoltà, l’altimetria, l’off-road, boschi e sentieri, non ho caratteristiche adatte a questi percorsi (sono un passista nel running, e probabilmente in bici sarei un cronoman): e quindi difficilmente potrò mai correre in futuro in bici la Scarpirampi (e comunque probabilmente mi servirebbe una bici migliore).

Fino a domenica sera la spossatezza, il nervosismo, l’essere annegato nel fango avevano predominato. A mente fredda, ripenso che qualcosa di buono è venuto fuori. Nonostante le condizioni del percorso veramente infami ho comunque retto, nonostante non avessi una bici ipertecnologica e come detto nonostante non sia un ciclista “dentro” ho tenuto il passo di molti ciclisti; ho stretto i denti in salita, ho stretto i denti in mezzo al fango: soprattutto, ho realizzato che nei 23Km di gara fatti, oltre 10 sono stati spingendo una pesante bici di 14Kg su pietre umide e fango, e con un dislivello positivo di oltre 800m. Ripensandoci, non è uno sforzo da poco. Pensandoci ancora, è come se avessi corso un mini-trail-duathlon: e sicuramente da trailer sarei arrivato al punto di controllo più velocemente a piedi che in bici. Pensandoci ancora, pur senza un serio allenamento podistico superiore ai 10Km, sarei quasi stato capace di correre a piedi tutta la Scarpirampi, tenendo conto che fango saliscendi e discese sono i miei terreni preferiti.
Mi rimane questo, paradossalmente: il disastro ciclistico mi ha instillato una scintilla di voglia di correre. E se la salute reggerà, chissà che il prossimo non ci arrivi davvero a Vernio, senza due ruote ma solo con le mie fidate scarpe da trail.

Fassa running

Il picco negativo della forma stagionale mi è capitato proprio nel momento delle vacanze. Solita Val di Fassa nell’incanto di fine giugno, stavolta per pura coincidenza in sovrapposizione con la ex-Traslaval, il giro podistico a tappe della valle. Ex perché è cambiato il team di organizzatori – bravi comunque i nuovi tra cui i miei “soliti” riferimenti vacanzieri – e quindi anche il nome, ora Fassa Running.
Dato che in vacanza per principio non corro molto, ho corso solo due tappe delle 5 previste. Ho saltato la prima, Soraga, con la dura salita a Tamion. Ma mi son presentato alla seconda a Moena che avevo già fatto l’anno scorso. Più brutta la sede, i campi sportivi, era molto meglio l’arrivo nella centrale Piaz de Ramon . Meno “trail” il percorso però stavolta più lungo e duro, salendo per le malghe e arrivando fino a Medil dopo una breve discesa divertente ed estremamente tecnica. Percorso tosto, comunque, a conferma che il giro della valle non è gara facile, per niente.
Salto le due tappe successive, Canazei e Vigo.
Ma eccomi al tappone finale, stavolta nella mia Pozza (ogni anno cambiano). Si arriverà in vetta al Buffaure, dove adoro sciare ma d’estate mai visto. La gara parte con un bel giro iniziale fino a Mazzin, poi imbocco della val Jumela da Pera e si sale… caspita quanto si sale, lungo una strada forestale ripidissima e che concede radi momenti di pausa. Arrivati alle malghe, quasi quota 2000, sembra praticamente fatta, si abbandona la forestale per un bel single track molto tecnico nel bosco, veramente divertente. Ultimi 400mt di vera pista da sci ripidissima, all’arrivo una bella medaglia anche per gli occasionali come me. Una prova veramente tosta, difficoltà tecniche (salita in primis) non indifferente.
Commento finale: il giro a tappe Fassa Running sembra bello tosto, anche se ho saltato le tappe che dicono più facili (ma che non lo sono poi molto). Alcuni punti tecnici che piacerebbero ai trailer, poco asfalto, prova nel complesso molto adatta a chi recupera velocemente e ben si esprime su salite toste e saliscendi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: