Recensione de “L’amica geniale” , di Elena Ferrante

E’ difficile descrivere la lunga e complessa tetralogia “l’amica geniale” di Elena Ferrante.

Lasciamo da parte l’aneddotica sulla misteriosa ed anonima autrice. Due bambine, una storia. La loro storia, e anche la storia di Napoli e la storia d’Italia del Dopoguerra. Due bambine nate ancora con il conflitto in corso, cresciute in simbiosi dall’infanzia all’adolescenza stimolandosi a vicenda. Due bambine unitissime ma diversissime tra loro, tanto che si sospetta che ognuna vorrebbe essere l’altra. Due bambine che affrontano gli anni ’50, il primo boom economico, la nascita della camorra assieme alle classiche situazioni della crescita, del diventare ragazze e donne. Dotate fin da piccole di fine intelletto in un ambiente in cui non viene riconosciuto, ciò le porterà a separarsi, una studierà, l’altra lavorerà e diventerà moglie e madre. Il romanzo prosegue su questi due piani: il racconto pignolo e dettagliato della vita delle due, soprattutto della narratrice. E di contorno un durissimo inesorabile affresco: la Napoli che cresce avviluppata nei tentacoli della criminalità, sempre più organizzata, sempre più feroce.

E dell’Italia intera, del benessere che la pervade di anno in anno ma anche dei tormenti che la solcano, dal terrorismo alle sciagure ambientali , e le correnti culturali e politiche che la plasmano : il ’68 con tutte le sue utopie e i suoi sogni infranti, l’elite di sinistra radical-chic, il pragmatismo della piccola borghesia che si arricchisce ma che non si sviluppa umanamente, una gretta sottocultura nazionalpopolare che non ci ha mai abbandonato e che spinge all’individualismo, a perdere di vista la società e la nazione nel suo insieme. E i vizi che restano profondi nella nostra cultura: il maschilismo, la subalternità della donna specie meridionale, il familismo

L’affresco di Napoli che ne esce, soprattutto, è tremendo: terra di frontiera, l’anarchia che convive con la prevaricazione intoccabile dei più forti e dei più ricchi, un sistema di caste dove uscire dal proprio ruolo è profondamente rischioso e persino socialmente condannato, tanto più se sei donna. 

L’opera non è perfetta: specie nella seconda parte indulge con sé stessa, alcuni vicende dei personaggi diventano esagerate, vengono spinti ad eccessi innaturali. La prosa composta di periodi lunghi ma così semplici e lineari da donare un alone di poesia alla lettura, si fa un poco più pesante. Ma sono pagliuzze che non inficiano il valore della saga.

L’autrice, e in particolar modo quest’opera, è idolatrata negli Stati Uniti. Non mi stupisce: è un cazzotto nello stomaco per noi italiani. Ci duole leggere quanto il nostro provincialismo c’ abbia accompagnato per così tanti decenni e sia ancora così forte in un mondo globalizzato.

 

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: