Skyrace delle Apuane 2015

E’ stata una lunga e intensa stagione. tanti acciacchi, ma anche tante
soddisfazioni: tanti trail conclusi, il ritorno ai 42 e oltre dopo anni,
il mio primo ultratrail, un gruppetto di compagni di allenamento senza
cui non ce l’avrei fatta.

Questa stagione non poteva che finire con una prova unica. La Skyrace
delle Apuane è cascata a fagiolo, poco prima delle vacanze.
L’avevo già corsa due volte, vari anni e molti Kg fa. Soprattutto, in
ottime condizioni di allenamento. Stavolta invece … zero forma, un pò
sovrappeso. Ma tanta voglia, tanta determinazione. La mia forza è la
mente, a quella ho fatto affidamento, come sempre.
Dopo 6 anni torno così in questo paesino sperduto, Fornovolasco, in
Garfagnana, neanche 500m slm, in mezzo a una valle strettissima fresca e
boscosa. Ruvide case in pietra attorno a un ruscello gelido. E sopra, il
Monte Forato, e più in alto, la temibile Pania della Croce, che domina
la valle con la sua pietra chiarissima.

Partenza alle 9,30, si sale subito nel bosco per primi 3Km trail,
neanche durissimi. Ma poi si arriva sul crinale che ci separa dal
versante della Versilia. E cominciano i dolori: sentieri strettissimi,
arrampicata su roccia, pietraie, gradoni da salire e scendere. Il
passaggio dal Monte Forato, questo enorme pertugio tra le rocce dipinto
dalla natura, con un tifo da stadio ad accoglierci: già vale il prezzo
del biglietto in sudore e fatica.
Il peggio però deve ancora arrivare. Giunti sul versante occidentale
della Pania, c’è da percorrere questo sentierino in traverso che porta
al Rifugio del Freo. Ancora più arrampicate, ampi tratti di corda
attrezzata per dare sicurezza. E il sole che comincia a bruciare dietro.
Mica è finita: ci aspettano i 3Km e 700m di dislivello che portano in
vetta. Per fortuna su un sentiero non così disagiato. Ma alzi il capo, e
la vetta rimane lontana, e non si avvicina mai.

Finalmente arrivi in cima. Coccolato, come durante tutto il percorso,
dallo staff organizzativo presente in forze: ti passano acqua e sali, ti
colmano la borraccia, ti chiedono se è tutto OK
Intanto ti guardi attorno, e assapori il piacere della vista da una
delle vette più alte della Toscana. Il mare, la Garfagnana, la Versilia,
l’Appennino. Le altre impervie montagne delle Apuane, aspre come e più
delle Alpi.
E’ tempo di scendere: non è peggio della salita, ma si procede
lentamente nel Vallone dell’Inferno, una pietraia assolata dove se non
sei Kilian Jornet al massimo corri 10 metri di fila e poi ti fermi per
sicurezza. Altri tratti attrezzati, gradoni, il sole che ti cuoce.
Arrivare nei prati attorno al rifugio Rossi è una benedizione: un
sentiero nel bosco è meno impegnativo, e poi c’è ombra. Ma mancano
ancora 1200m di dislivello negativo, che non finiscono mai, e intanto il
sole picchia. Ma arrivati all’asfalto davanti alla Grotta del Vento sai
che è fatta, che ti puoi lanciare.
Gli ultimi Km sono stati devastanti. Male al fianco destro, crampi al
quadricipite, unghie dei piedi dolenti, una storta alla caviglia, la
pelle che scotta. Quando corri cerchi di non pensarci, ma ci vuole tanto
cervello, tanta forza d’animo.
Per fortuna prima o poi c’è l’arrivo, quel sontuoso ristoro con
abbondante cocomero, pasta party & birra, e poi l’immersione delle gambe
malridotte nelle gelide acque del torrente
Organizzazione magnifica, molto accurata, tutto ben segnalato, tanti
ristori, tanti presidi medici. Gara unica. Non per tutti. Ma
eccezionale, per chi può apprezzarla

Video

Traccia
https://connect.garmin.com/activity/831418623

Annunci

Recensione de “L’amica geniale” , di Elena Ferrante

E’ difficile descrivere la lunga e complessa tetralogia “l’amica geniale” di Elena Ferrante.

Lasciamo da parte l’aneddotica sulla misteriosa ed anonima autrice. Due bambine, una storia. La loro storia, e anche la storia di Napoli e la storia d’Italia del Dopoguerra. Due bambine nate ancora con il conflitto in corso, cresciute in simbiosi dall’infanzia all’adolescenza stimolandosi a vicenda. Due bambine unitissime ma diversissime tra loro, tanto che si sospetta che ognuna vorrebbe essere l’altra. Due bambine che affrontano gli anni ’50, il primo boom economico, la nascita della camorra assieme alle classiche situazioni della crescita, del diventare ragazze e donne. Dotate fin da piccole di fine intelletto in un ambiente in cui non viene riconosciuto, ciò le porterà a separarsi, una studierà, l’altra lavorerà e diventerà moglie e madre. Il romanzo prosegue su questi due piani: il racconto pignolo e dettagliato della vita delle due, soprattutto della narratrice. E di contorno un durissimo inesorabile affresco: la Napoli che cresce avviluppata nei tentacoli della criminalità, sempre più organizzata, sempre più feroce.

E dell’Italia intera, del benessere che la pervade di anno in anno ma anche dei tormenti che la solcano, dal terrorismo alle sciagure ambientali , e le correnti culturali e politiche che la plasmano : il ’68 con tutte le sue utopie e i suoi sogni infranti, l’elite di sinistra radical-chic, il pragmatismo della piccola borghesia che si arricchisce ma che non si sviluppa umanamente, una gretta sottocultura nazionalpopolare che non ci ha mai abbandonato e che spinge all’individualismo, a perdere di vista la società e la nazione nel suo insieme. E i vizi che restano profondi nella nostra cultura: il maschilismo, la subalternità della donna specie meridionale, il familismo

L’affresco di Napoli che ne esce, soprattutto, è tremendo: terra di frontiera, l’anarchia che convive con la prevaricazione intoccabile dei più forti e dei più ricchi, un sistema di caste dove uscire dal proprio ruolo è profondamente rischioso e persino socialmente condannato, tanto più se sei donna. 

L’opera non è perfetta: specie nella seconda parte indulge con sé stessa, alcuni vicende dei personaggi diventano esagerate, vengono spinti ad eccessi innaturali. La prosa composta di periodi lunghi ma così semplici e lineari da donare un alone di poesia alla lettura, si fa un poco più pesante. Ma sono pagliuzze che non inficiano il valore della saga.

L’autrice, e in particolar modo quest’opera, è idolatrata negli Stati Uniti. Non mi stupisce: è un cazzotto nello stomaco per noi italiani. Ci duole leggere quanto il nostro provincialismo c’ abbia accompagnato per così tanti decenni e sia ancora così forte in un mondo globalizzato.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: