In memoria del guru Prof. Enrico Arcelli

c’era una volta un ragazzino grassoccio, il cui babbo aveva da poco smesso
di fumare ed aveva cominciato a correre, persino a fare imprese che mi
sembravano al limite dell’umano come una maratona! quel babbo un giorno
compro’ quel libro chiamato buffamente “correre è bello”, titolo che faceva
sorridere chiunque sbuffava come un mantice durante l’ora di educazione fisica.
un giorno quel ragazzino cominciò per caso a corricchiare, capì che quel titolo
aveva un senso, e che correre poteva persino essere meraviglioso.
e fu conquistato da quel libro che era un sapiente mix di aneddotica sulla
corsa, principi di fisiologia dello sport e di scienza dell’allenamento,
oltretutto scritto in un bellissimo italiano, semplice eppure efficace.
era anche una descrizione di un’italia industriosa che col benessere cominciava
anche a pensare ad altro che non fosse la solidità economica, che iniziava a
capire l’importanza della salute fisica e del piacere mentale.
quel libro lo lesse decine di volte, lo sfoglio’ centinaia, sperimentò tutto, gli
diede l’ispirazione per tante gare, fece nascere la passione, sempre più profonda,
e solidissima grazie a quella miscela di amore per lo sport e di dotte spiegazioni
scientifiche delle basi del running.
Infuse passione non solo a me, ma anche a tantissimi altri, ed è tuttora il libro
di sport più venduto in Italia.

Ti sia lieve la terra, Enrico.
e grazie infinite

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: